google-site-verification: googlef428accbaffa45dc.html

mercoledì 4 marzo 2020

Piccolo prontuario di scrittura creativa: a caccia di parole - Parte 1

Prima di parlare di narrazioni, storie, personaggi, metodi e tecniche, parliamo dell’elemento di base: la parola. Senza le parole, noi non potremmo raccontare storie. Magari dentro di noi abbiamo un repertorio di idee e di immagini, ma poi ci mancano le parole per esprimerle. È quindi importante iniziare da loro.
Vediamo in che modo.



1.1. Iniziamo con le parole 
La definizione di parola dall’enciclopedia Treccani: “Complesso di fonemi, cioè di suoni articolati, o anche singolo fonema (e la relativa trascrizione in segni grafici) mediante i quali l’uomo esprime una nozione generica, che si precisa e determina nel contesto d’una frase.”
La parola è dunque la prima unità di un testo. Dalla concatenazione di più parole, nascono le frasi, i periodi, i paragrafi, i capitoli... i libri.
La parola in sé ha un significato precostituito. Non è quindi creativa, ma denotativa. Diventa creativa quando combiniamo le parole tra loro.

Esempio

Rosso
è un aggettivo e/o sostantivo maschile singolare.

Il rosso è un colore o una persona con i capelli rossi. La parola in sé è oggettivazione di una definizione. Diventa creativa quando viene inserita in un contesto di narrazione. Racconti, romanzi, poesie sono concatenazioni di parole collocate in modo da realizzare un prodotto creativo. Accade quando narriamo qualcosa; quando raccontiamo una storia sui Social; quando narriamo un prodotto o un brand. Accade anche quando lasciamo andare la nostra creatività.
Arriviamo dunque alle frasi e alla composizione del testo.

1.2 Dalla parola al testo: qualche considerazione
Unendo e componendo le parole, noi editiamo dei testi. Ovviamente esistono regole che ci indicano come combinare in maniera corretta le parole.
Esistono regole grammaticali, sintattiche e morfologiche che ci indicano la retta via.  Generalmente la prima regola per una scrittura corretta è questa: Soggetto – Verbo – Complemento.
Esempi:
Io (soggetto) leggo (verbo) il libro (complemento oggetto)
Laura (soggetto) parla (verbo) a bocca piena (complemento di modo).

Da questa regola, possiamo desumente la costruzione di una frase e poi di un periodo che abbiano un senso compiuto.

Fino a qui ho accennato ad alcuni rudimenti tecnici. Ovviamente non sono qui per fare lezioni di lingua italiana, ma il mio consiglio è quello di lavorare con un vocabolario e con una grammatica a portata di mano; una rispolverata delle relative nazioni può tornarvi utile, giusto per partire.
Accanto, l'importanza di leggere. Romanzi, racconti, poesie. Il giornale. Tutto ciò che possa esservi di stimolo.
Arriviamo quindi ad alcuni esercizi di scrittura creativa.

(...)

Esercizi: parole creative

I. Apri il vocabolario e dalla prima parola che trovi, scrivi una frase o un pensiero tra le 3 e le 10 parole.

II. Dalle parole che ti lascio, crea un testo, paragrafo, pensiero, mini racconto.

Casa - cane - zia - mangiare – litigare – uccidere. 

Michela – Silvia – abbracciare – viaggio – treno.


III. Scrivi una frase le cui parole inizino con una lettera dell'alfabeto a scelta o estratta.

IV. La mia giornata.
Racconta una tua giornata. Può essere una giornata tipo o una giornata particolare.

V. Un giorno mi svegliai e...

Scrivi un racconto da questo incipit


VI Incipit - Dati alcuni incipit, scrivi un brano.

- Ieri ho...

- Avrei voluto essere...

- C'era qualcosa di strano, in quella donna. Seduta sulla panchina, continuava a fissarmi come se avesse voluto dirmi qualcosa.

- L'uomo giaceva in una pozza di sangue. Il Commissario Calvetti si chinò sul cadavere.




FINE PARTE PRIMA

- Roberta De Tomi

2 commenti: